Il suo corpo e altre feste

Il suo corpo e altre feste è una raccolta di otto racconti pubblicata negli Stati Uniti nel 2017, e ora proposta in italiano da Codice edizioni, nella traduzione impeccabile di Gioia Guerzoni. Un Black Mirror femminista, com'è stato definito, dove incubi distopici, realismo magico, fantascienza, humor nero ed erotismo si intrecciano per dare vita a una narrazione che sfugge a ogni possibile definizione.

Se uno degli scopi della letteratura è assorbire le istanze, le increspature, le inquietudini più o meno nascoste del presente e dar loro una forma narrativa, si può dire che questi otto racconti siano la contemporaneità distillata e rielaborata secondo lo Zeitgeist di oggi. Sospese fra l'horror e la fiaba, fra il piacere e il terrore, le storie di Carmen Maria Machado ci parlano di donne, madri, figlie, mogli, dei loro corpi che se da un lato sono la fonte di ogni possibile gioia e piacere, dall'altra non offrono mai una prospettiva di salvezza e protezione, ma anzi rappresentano sempre l'anticamera allo sgretolamento di ogni speranza. In “Inventario” una donna compila minuziosamente l'elenco degli uomini e delle donne con cui è andata a letto, mentre un'epidemia a trasmissione sessuale sta inesorabilmente decimando la razza umana – ma è davvero possibile pensare di potersi proteggere dal virus, dalla contaminazione, dall'incontro con gli altri?

La sessualità femminile è indicata come la strada maestra, il canale privilegiato di comunicazione femminile con il mondo, ma per una volta (e finalmente) si tratta di una sessualità queer, al di là di ogni binarismo di genere. Carmen Maria Machado esplora, all'interno della narrazione stessa, i nuovi spazi di movimento, di creatività e di libertà sessuale, con naturalezza e spontaneità, perché, come lei stessa ha affermato in un'intervista al Guardian: «le persone che scrivono scene di sesso sono per lo più maschi bianchi etero, e questo non è sbagliato né un male, ma se il sesso viene raccontato sempre dalla stessa prospettiva, è ovvio che finirà per diventare noioso.»

Il suo corpo e altre feste, Carmen Maria Machado (Codice Edizioni)

Traduzione di Gioia Guerzoni

Arianna, 27 maggio 2019